Tagore 
Al mattino gettai la mia rete nel mare. 
Trassi dall'oscuro abisso cose di  
strano aspetto e di strana bellezza
alcune brillavano come un sorriso, 
alcune luccicavano come lacrime, 
e alcune erano rosee 
come le guance d'una sposa. 
Quando, alla fine del giorno, 
tornai a casa con il mio bottino, 
il mio amore sedeva nel giardino 
sfogliando oziosamente un fiore. 
Esitante deposi ai suoi piedi 
tutto quello che avevo pescato. 
 
Lei guardò distrattamente e disse: 
« Che strani oggetti sono questi? 
Non capisco a che possano servire ». 
Chinai il capo, vergognoso, pensando: 
« Non ho lottato per conquistarli, 
non li ho comperati al mercato; 
non sono doni degni di lei ». 
E per tutta la notte li gettai 
a uno a uno sulla strada. 
Al mattino vennero dei viaggiatori; 
li raccolsero e li portarono 
in Paesi lontani.
 
 
Link veloci: 
Perché sei qui - Perché questo sito - Parliamo di cose “serie” - Italia - Mondo - Scuola - Scienza - Politica - CultUra - Salute - Noia - Sei attivo? Iniziative - Felicità - Seduzione - Donne - Soldi - Pace? - Paura - Economia - Autorità - Controllo - Ecologia - Vita e domande - Oggetti smarriti - Fanzine  - La posta di PK.com 
Segnala e diffondi Paperinik.Com - Scrivi a Paperinik.com 
 
 
Paperinik.Com  
Torna alla home page... - Leggi le Avvertenze e le Modalità d'uso 
 
(C)2001, 2016 Paperinik.com - Le immagini contenute in questo sito sono state realizzate dal PK.com team. Sono Copyright Paperinik.com e non possono essere riprodotte senza autorizzazione - I testi contenuti in questo sito possono essere riprodotti, purché citando e linkando la fonte www.Paperinik.com 
Segnala e diffondi Paperinik.Com - Scrivi a Paperinik.com